Fuochi magici di San Giuseppe

Home / Arte e cultura / Folclore e tradizioni / Fuochi magici di San Giuseppe

In occasione della festa di San Giuseppe (19 marzo), nelle campagne santarcangiolesi, la notte della vigilia, vengono accesi grandi e piccoli falò, le nostre “focarine”, circondate da tanti gruppetti di persone. I contadini bruciano rami secchi, sterpaglie ed oggetti personali per propiziarsi in tal modo una buona annata per la raccolta nei campi. In passato il rito prevedeva inoltre il salto della fiamma ovvero la vincita sul fuoco e simbolicamente sul sole, una sorta di riscatto dell’uomo verso una natura imprevedibile cui era comunque necessario affidarsi. Ancora oggi i fuochi di marzo auspicano la fine del freddo inverno e, con l’arrivo della primavera, la rinascita della natura.